Olio motore per auto d’epoca: Quale usare? Guida con classifica dei migliori 5

Olio motore per auto d epoca

Se vi siete chiesti quale olio usare per le auto d’epoca, ogni quanto cambiarlo e quale scegliere siete nel posto giusto. Questa guida definitiva infatti svelerà le caratteristiche dei 5 migliori oli per auto acquistabili anche online e vi darà tanti consigli e dritte sulla scelta dei più performanti ed adatti alle vostre auto vintage.

Olio motore per auto d’epoca: a cosa serve e perché è importante

L’olio motore per le auto d’epoca e per tutte le vetture in generale, siano queste a benzina o diesel, ha un ruolo di fondamentale importanza perché determina la giusta lubrificazione tra i componenti del motore stesso.

L’olio garantisce un minor attrito soprattutto a quelle parti che hanno un accoppiamento a scorrimento; il metallo che le compone infatti si restringe alle basse temperature e al contrario si dilata con quelle alte.

Un motore freddo quindi ha le sue componenti che lavorano ad una certa distanza mentre quando si surriscalda si avvicinano e in entrambi i casi la lubrificazione ad hoc non può mancare per evitare attriti e mantenere il giusto scorrimento. L’olio motore permette al motore di funzionare al meglio sia da freddo che in piena attività senza strappi né intoppi e fa durare di più tutte le componenti dello stesso.

Bestseller No. 2
UFI Filters 23.102.02 Filtro Olio Motore Per Auto
  • Filtro olio motore: Diametro esterno / Lunghezza: 96.5 - Diametro interno superiore / Larghezza: 61.5 - Diametro interno inferiore / Larghezza: 71.5 - Diametro massimo: 98.3 - Altezza: 143.0
Bestseller No. 3
Bestseller No. 4
Motul 102740 ad olio per protezione motore, 2 l
  • Motul 102740 Classic Oil 20W50 2 Liter
Bestseller No. 7

Le diverse tipologie sul mercato:

L’olio per l’auto d’epoca va scelto con grande cura anche perché un tempo i motori e le auto erano concepiti in modo differente e lo stesso olio consigliato aveva qualità differenti. In particolare è decisamente utile fare un appunto sull’olio minerale per auto d’peoca e quello di tipo sintetico; il primo si ottiene dalla raffinazione del petrolio mentre il secondo nasce appunto da processi industriali che hanno alla base lubrificanti di sintesi, sintetici appunto. Inoltre esistono anche oli semi-sintetici che mixano parti di minerale ad altre di sintetico per garantire un ottimo compromesso anche agli amatori delle auto d’epoca.

Le vetture di un tempo infatti funzionavano soprattutto con oli minerali e di conseguenza i libretti della manutenzione indicavano questi come ideali per garantire longevità al motore e alla stessa macchina.

Ciò che è importante nella scelta dell’olio motore per le auto d’epoca e per qualsiasi altro veicolo è la sua viscosità, cioè la resistenza che le molecole che lo compongono incontrano nello scorrimento le une sull’altre.

In parole povere la viscosità dell’olio motore è la sua capacità di mantenere separate e in corretto movimento le parti metalliche garantendo un’ottima prestazione motoristica. Per migliorarne le qualità si usa di sovente aggiungere degli additivi che ad esempio ne ottimizzano le performance a basse o alte temperature, evitano residui, ecc.

In generale l’olio sintetico per le auto d’epoca è più ricco di additivi ma il migliore, quello ideale per la singola vettura dipende dalla tipologia di auto, dal tipo di guida, dalla frequenza d’uso o dal periodo di inutilizzo e da tanti altri fattori.

La viscosità dell’olio motore per l’auto d’epoca

Al di là delle indicazioni originarie del libretto si potrà anche propendere per un olio motore di nuova generazione e che potrà garantire ottime performance di guida e un’ideale mantenimento della vettura vintage e di tutti i suoi componenti meccanici.

Ci sono due indici che definiscono la viscosità: il primo è costituito da un numero e da una W che significa winter, inverno. Questa indicazione definisce la scorrevolezza dell’olio a freddo come ad esempio all’avvio dell’auto, mentre il secondo indice definisce la capacità di scorrimento a temperature normali, cioè durante l’esercizio del motore stesso.

Minore è il numero e maggiore sarà lo scorrimento, facciamo un esempio: un olio 10W-30 scorrerà meno facilmente all’avvio rispetto ad uno identificato con 5W-30.

Olio quanto cambiare l’olio su un’auto d’epoca?

Di norma per le auto con motore a benzina relativamente nuove il cambio dell’olio è consigliabile ogni 15 mila Km, anche se spesso per mantenere la garanzia si viene richiamati dalle officine specializzate del brand a fare un check-up ogni anno, pure se non si è giunti a questo chilometraggio. Per quanto riguarda il cambio dell’olio dell’auto d’epoca le cose sono un po’ diverse ed è necessario visionare il libretto delle istruzioni e manutenzione.

Non solo, queste vetture sono nettamente diverse le une dalle altre ed è necessario controllarle periodicamente e facendole preferibilmente visionare ad un esperto del settore.

Per esempio di sovente il liquido del radiatore assume una colorazione marroncina se l’olio motore va cambiato, ma ci sono anche segnali e parametri più specifici da vagliare come il tempo di fermo dell’auto, le sue condizioni, eventuali handicap dei suoi componenti, ecc.

Se la vostra auto vintage è stata ferma per parecchio tempo, basta un anno di stop, sarà sempre indispensabile controllare tutti i liquidi e in particolare cambiare l’olio motore prima della sua riaccensione.

Miglior olio per auto d’epoca – Classifica con prezzi

Miglior olio per auto d epoca

  • MOTUL Classic 15 W50

Arlows 10 litri MOTUL Classic 15 W50 Adattatore synte ritorno Olio motore per auto d'...
  • 10 litri Motul Classic 15 W50 parte synte automatico olio motore per Oldtimer/storici veicoli

Ecco che tra i migliori 5 prodotti qui recensiti spicca l’olio Motul per auto d’epoca perfetto per veicoli fabbricati dopo il 1970; il suo indice di viscosità è pari a 15 W50 ed è utilizzabile tutto l’anno.

È un prodotto adatto sia ad auto che a moto, è pregiato e semi-sintetico, studiato appositamente per essere utilizzato in veicoli e motoveicoli vintage. Il produttore consiglia comunque il cambio dell’olio almeno una volta l’anno.

  • Bardahl Classic Motor Oil SAE 20W50 100% – Minerale

Questo è un altro ottimo olio per auto d’epoca specifico per motori a benzina di veicoli costruiti dopo 1950; è 100% minerale e la sua viscosità corrisponde a 20 W50, si utilizza tranquillamente tutto l’anno e garantisce un’ideale protezione all’usura e all’attrito, prevenendolo anche a motore freddo. Impedisce anche la formazione di morchie e lo si può utilizzare sia per motori con o senza turbocompressore.

3. Castrol Classic XL 20W50 – 5 litri

Qui un altro olio minerale per auto d’epoca degno di nota e ideale sia per auto che per moto vintage; viene definito multigrado convenzionale di alta qualità e sono presenti speciali additivi per soddisfare le esigenze di questo tipo di motori.

L’olio Castrol Classic aiuta a ridurre i consumi e permette alte performance, il suo grado di viscosità è di 20 W50 e lo si può utilizzare anche in motori 4 tempi dei più svariati modelli di moto Harley Davidson d’epoca.

  • Selenia – Olio Auto d’epoca Heritage SAE 20W50 Lt2

Tra i 5 migliori oli per auto d’epoca anche questo firmato Selenia racchiuso in una latta dal design decisamente retrò. È perfetto per vetture degli anni ’40, ’50 e ’60 ed è firmato FIAT nonché specifico per le auto di questo brand ma allo stesso tempo ottimo anche per vetture di altre case motoristiche.

Prende spunto dagli oli vintage ma ha una nuova formulazione che lo rende ideale per tutte le stagioni, ha spiccate proprietà anti-usura, garantisce ottime performance del motore e previene la formazione di ruggine e morchie. Il suo indice di viscosità è di 20 W50.

  • MOTUL Olio Classico SAE 30 2L

Infine ecco un altro olio Motul per auto d’epoca che può essere usato anche per i chilometri di rodaggio, ma solo se i cambi d’olio successivi saranno tempestivi e frequenti.

È ideale per qualsiasi auto vintage costruita dopo il 1950, comprese quelle americane, e la sua formulazione garantisce ottima compatibilità con componenti realizzate anche con metalli non ferrosi come l’ottone, il rame e il bronzo. Assicura pure un’aderenza rinforzata per agevolare le partenze dopo periodi lunghi di non utilizzo dell’auto retrò.

Leave a Reply